LogoColorato

Canapa sativa sempre più nutrizionisti la consigliano, a Napoli è aperto il primo Cannabistrò.

La crescita del consumo di canapa sativa  e derivati,  nel settore alimentare è aumentata vertiginosamente  ,non significa solo un miglioramento delle nostre abitudini alimentari ed una protezione in più per il nostro organismo: si sta rivelando un vero e proprio vettore di informazioni dal quale le persone comuni iniziano a farsi domande e pretendono, giustamente, di essere informati correttamente. Ed è anche così che aumentano i dottori, i nutrizionisti, gli atleti e le persone in generale che sono al corrente delle proprietà nutritive dei semi e dell’olio, considerati un vaccino nutrizionale per il nostro corpo se assunti con regolarità e ne consigliano il loro utilizzo. Crescono anche le aziende che celebrano il connubio di sapori e nutrimenti tra la pianta di canapa e la nostra sterminata cultura gastronomica. Marco Manfredini (che  ha vinto il premio vinto alla Spannabis 2014 con la loro birra alla canapa), è un biologo ,il quale ha capito perfettamente il grandisismo valore di questa pianta, ha compreso la sua importanza, ed ha aperto un luogo unico al modo:il cannabistrò. E' sorto da pochi mesi  nel centro di Napoli, un bistrò, appunto, ma con cibi e bevande a base di cannabis. Non è un ristorante classico dove affrontare un pasto completo dal primo al dolce, ma un locale in cui poter godere di diverse pietanze, tutte a base di semi, oli e farine di canapa. Cibo, ma non solo, perché ha uno  spazio interamente dedicato agli utilizzi della pianta di canapa, con esempi dei prodotti che si possono ottenere, riviste, libri ed organizzazione di workshop e convegni.  Marco Manfredini, (fondatore di Sativa Alimentari) . La stufa, ad esempio è alimentata a bioetanolo di canapa ,l'ambiente è accogliente, piccolo con pochi tavoli, ma molto carino, con cuscini , fatti di canapa, paralumi di canapa,  ovviamente ci sono anche prodotti che non contengono canapa, ma non potevano fare altrimenti. E’ il primo esempio  al mondo questo bistrò  , qualcosa di simile in America  c’è di sola  pasticceria e comunque con prodotti che contengono THC, cosa che da noi è vietata. In Spagna ci sono dei club, diversi dai cannabis social club, che sono una sorta di club alimentari.Cambiranno nei prossimi anni le nostre abitudini alimentari, più sane, più ecologiche ,più consapevoli,e la canapa sativa sarà colei che ci guiderà. 

FrecciaSuBianca

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.